Bambini con allergie alimentari

Utilizzando un diario alimentare per aiutare a risolvere le allergie alimentari

È un’allergia alimentare?

Ci sono momenti in cui un paziente pensa di reagire a un alimento o di avere sintomi a causa del consumo di determinati alimenti. In questi casi, i diari alimentari – o, forse più precisamente, i diari dei sintomi-possono essere utili ausili diagnostici. Questi semplici record di ciò che si mangia e quali sintomi si sente può aiutare il medico restringere possibili trigger, e, a sua volta aiutare a sentirsi meglio.

I diari alimentari non vengono mai utilizzati quando un alimento è un sospetto innesco di anafilassi (una reazione allergica grave e pericolosa per la vita) o se esiste un’ovvia relazione tra ingestione di cibo e sintomi.

Ad esempio, se il bambino mangia burro di arachidi e ha orticaria e gonfiore delle labbra diversi minuti dopo, usa l’epinefrina se ce l’hai (cioè se l’allergia alimentare è già stata diagnosticata) e cerca assistenza medica di emergenza, seguita da una visita a un allergologo. Tuttavia, se sospetti che gli alimenti che stai continuando a mangiare possano causare sintomi come mal di stomaco, mal di testa, eruzioni cutanee, affaticamento, scarsa concentrazione, problemi di memoria o altri sintomi, chiedi al tuo medico se un diario alimentare o un diario alimentare sarebbe utile. Se c’è qualche domanda sui sintomi, si rivolga prima al medico prima di iniziare un diario alimentare.

 diario alimentare

Che cos’è un diario alimentare?

Un diario alimentare è un elenco cronologico di tutti gli alimenti che una persona ha mangiato e dei sintomi che hanno sperimentato. Diari alimentari possono essere utili quando si ritiene che voi (o il vostro bambino) si verificano sintomi che sono causati da un alimento, ma non si è sicuri di quale cibo sta causando il problema, o se i sintomi sono cibo correlati a tutti.

Un eccellente cibo e sintomo Journal modulo può essere trovato a AllergyHome.

Cosa dovresti registrare in un diario alimentare?

Per essere più utile un diario alimentare dovrebbe tenere traccia:

  • Cosa è stato mangiato esattamente, a che ora del giorno – Questo include il numero di porzioni consumate (in base alla dimensione “tipica” della porzione della persona), così come gli ingredienti specifici del piatto. Se vengono prese vitamine o integratori, anche quelli dovrebbero essere elencati.

Quindi, ad esempio, se tuo figlio avesse farina d’avena per colazione, sarebbe importante registrare che aveva “una porzione di farina d’avena con zucchero di canna, uvetta e mandorle” alle 7:30 del mattino. Ma non sarebbe necessario misurare tutto per determinare esattamente quanto zucchero di canna, uvetta e mandorle ha consumato. Questo non è un esercizio di conteggio delle calorie, quindi non sono necessarie informazioni. Ma hai bisogno di registrare tutti gli alimenti o le bevande consumate, non solo la parte principale di un pasto o il cibo primario (cioè assicurati di registrare bevande, snack, condimenti, ecc.).

  • Quali sintomi sono stati sperimentati, a che ora del giorno – Assicurati di includere eventuali sintomi “anormali”, anche quelli che non stavi anticipando. È importante notare quando i sintomi sono accaduti e quali altre cose la persona stava facendo in quel momento.

Che dire degli ingredienti dei prodotti confezionati?

Tutti gli ingredienti devono essere inclusi nel diario, compresi gli ingredienti delle merci confezionate. Il modo più semplice per farlo è spesso quello di salvare il pacchetto quando hai finito con il contenuto, ritagliare le informazioni sugli ingredienti e allegarlo al diario. Se questo non è possibile, è spesso possibile stampare una copia della lista degli ingredienti dal sito web del produttore. Oppure, naturalmente, puoi scrivere tutto.

Cosa cercherà il medico?

Quando un medico richiede di tenere un diario dei sintomi alimentari, lui o lei è alla ricerca di coerenza; ogni volta che un alimento specifico viene mangiato qualcosa accade, e quando quel cibo specifico non viene mangiato, il problema o il sintomo non si verifica.

È importante notare che di per sé un diario alimentare non è diagnostico. Anche se può essere uno strumento utile per aiutare a restringere le potenziali cause di un problema, non conferma o fare una diagnosi.

bambino che mangia la cena

In quale altro modo vengono utilizzati i diari alimentari?

I diari alimentari sono usati per molti scopi. Nel mondo delle allergie alimentari, l’altro uso più comune è quello dei dietisti. Il dietista può rivedere un diario alimentare per determinare se il bambino sta ricevendo calorie e nutrizione adeguate. Questo è importante per valutare se gli alimenti importanti vengono eliminati dalla dieta a causa di allergie alimentari sospette/diagnosticate.

Non usare mai un diario alimentare come una sfida alimentare o un test!

Un diario alimentare non deve mai essere usato se c’è qualche possibilità nota o probabile di anafilassi. In questo caso, non appena si sospetta un alimento, dovrebbe essere rimosso dalla dieta. Durante l’esercizio del diario alimentare, gli alimenti a cui il paziente ha già un’allergia confermata non devono essere mangiati!

Conclusione

Mentre un diario alimentare è uno strumento per aiutare il medico, non è un modo per diagnosticare un’allergia alimentare. Molte persone sospettano sintomi legati agli alimenti, ma non sono sicuri di quale cibo o alimenti sia/siano la causa. Un diario o un diario è un modo per mappare i sintomi e vedere se c’è una relazione con gli alimenti che hai mangiato. Dovrebbe sempre essere fatto con l’aiuto del medico. I diari possono essere un ottimo modo per iniziare ad esplorare i sintomi sconcertanti e spesso aiutano a dimostrare che gli alimenti non sono la causa.

Dr. David Hauswirth Dr. David Hauswirth è un allergologo a Columbus, Ohio, con allergia Buckeye. Pratica anche all’ospedale pediatrico nazionale. Si è laureato magna cum laude presso l’Università di Wittenberg con una laurea in biologia e ha conseguito la laurea in medicina presso il Medical College of Ohio (Università di Toledo). Ha completato la sua residenza in Medicina interna e Pediatria presso l’Ohio State University e Nationwide Children’s Hospital, seguita da una borsa di studio in Allergia e immunologia presso la Duke University.
Il Dr. Hauswirth è certificato dall’American Board of Allergy and Immunology e dai Boards of Internal Medicine and Pediatrics. È membro dell’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology e dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology. È in pratica dal 2005.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.