Epi-LASIK offre tempi di recupero rapidi, maggiore comfort del paziente

Settembre 15, 2007
6 min leggere

Salva

La procedura di ablazione superficiale ha molti vantaggi, tra cui complicazioni limitate e dolore postop minimo, dicono i chirurghi.

Edizione: Settembre 15, 2007
Di Erin L. Boyle

AGGIUNGERE ARGOMENTO PER AVVISI e-MAIL
Ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su
si Prega di fornire il vostro indirizzo e-mail per ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI E-MAIL
Hai aggiunto correttamente ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi via email

Hai aggiunto correttamente ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare [email protected]
Torna a Healio

Epi-LASIK è una valida alternativa al PRK con alcol o raschiatura meccanica, che vanta tempi di recupero più rapidi e dolore gestibile con i farmaci, diversi chirurghi hanno detto.

Elizabeth A. I nostri servizi sono a vostra disposizione

Elizabeth A. Davis, MD, FACS, David R. Hardten, MD e Richard L. Lindstrom, MD, tutti praticanti presso Minnesota Eye Consultants, hanno eseguito epi-LASIK con il microkeratome di Moria per circa 6 mesi. In interviste telefoniche separate con Ocular Surgery News, hanno detto che la procedura è facile da usare e ha complicazioni limitate. Anche se LASIK rimane importante nella loro pratica, epi-LASIK è diventata la principale procedura di ablazione superficiale, hanno detto.

“Quello che abbiamo trovato è che il recupero visivo è un po’ più veloce di PRK, forse nell’ordine di un giorno o di un giorno e mezzo più veloce”, ha detto il Dr. Davis, membro della sezione di gestione delle pratiche OSN. “Il recupero visivo più veloce è probabilmente il più grande vantaggio.”

Dr. Hardten, un membro della sezione OSN corneale / malattia esterna, ha detto epi-LASIK rende bordi epiteliali che sono ben delimitati. Questi bordi potrebbero spiegare perché il processo di guarigione è più veloce rispetto a PRK, che utilizza alcol o raschiatura meccanica per rimuovere l’epitelio. Ha detto che i migliori candidati per la procedura sono quelli che si qualificano per l’ablazione di superficie, ma non possono avere LASIK, come quelli che hanno più sottile di cornee normali. Sebbene la tecnologia laser a femtosecondi possa espandere il numero di pazienti che possono avere LASIK, inclusi alcuni con cornee sottili, le procedure di ablazione superficiale sono le migliori in alcuni casi.

Secondo il Dr. Lindstrom, capo redattore medico di OSN, quando è indicata l’ablazione superficiale o i pazienti richiedono una procedura di ablazione superficiale, ora utilizza regolarmente epi-LASIK.

“Faccio ancora un sacco di LASIK, e il nostro gruppo fa ancora un sacco di LASIK”, ha detto. “Siamo impressionati dai risultati che otteniamo dal LASIK al femtosecondo, ma quando si tratta di fare un’ablazione superficiale, sono impressionato dal fatto che epi-LASIK è un progresso significativo rispetto alla rimozione manuale assistita dall’alcol.”

Benefici di epi-LASIK

Il Dott. Lindstrom ha detto che la procedura di epi-LASIK ha parecchi benefici misurabili, compreso il recupero visivo più veloce e la chiusura epiteliale più rapida della ferita.

Richard L. Lindstrom, MD
Richard L. Lindstrom

Il vantaggio più importante è che il recupero visivo più veloce consente procedure bilaterali. Lui e colleghi hanno scoperto che con epi-LASIK, il 60% degli occhi ha 20/40 o meglio UCVA sul postop del primo giorno. Al contrario, gli occhi che avevano la rimozione manuale assistita dall’alcol erano nell’intervallo 20%, ha detto.

Al postop di 3 giorni, circa il 75% dei pazienti era 20/40 o superiore; a 1 settimana, il 90% dei pazienti era 20/40 o superiore. Per epi-LASIK bilaterale, i numeri sono aumentati al 75% dei pazienti che vedono 20/40 o meglio a 1 giorno. Molti pazienti possono guidare se stessi di nuovo in ufficio dopo la procedura, una grande comodità per i pazienti, ha detto.

“Alcuni pazienti chiedono di tornare al lavoro il giorno dopo l’intervento, cosa che non era il caso quando stavo facendo la rimozione epiteliale assistita dall’alcol. I pazienti di solito dovevano prendere un paio di giorni a una settimana di riposo. Questo è stato un vero positivo per l’accettazione del paziente di ablazione superficiale”, ha detto il dottor Lindstrom.

Esecuzione di epi-LASIK

Dr. Davis ha detto epi-LASIK è una procedura semplice con una curva di apprendimento limitata. La procedura inizia con il chirurgo che posiziona il microcheratomo a bassa pressione sull’occhio, assicurandosi di ottenere una buona aspirazione e centrazione. Il taglio del microcheratomo procede attraverso la cornea in circa 40 secondi, creando un lembo epiteliale circolare, che viene poi rimosso dall’occhio.

La procedura richiede da 3 a 5 minuti su ciascun occhio, ha detto. Dopo aver rimosso il lembo, viene eseguita l’ablazione e viene posizionata una lente a contatto con la benda.

Il Dr. Hardten ha sottolineato che il microcheratomo dovrebbe essere ben centrato. Ha detto, proprio come con LASIK, è importante esaminare attentamente il limbus e la pupilla per la centrazione e per una “cerniera” per l’epitelio.

“Per la maggior parte dei pazienti, vado avanti e tolgo il foglio epiteliale, quindi cerco di centrare il taglio dell’epitelio e la rimozione dell’epitelio sulla pupilla, quindi ho una bella, ampia area per l’ablazione”, ha detto. “Nella maggior parte dei casi, con la procedura stessa, si ottiene un’area di esposizione dello stroma adeguata per l’ablazione. Ma in alcuni pazienti, se non è stato centrato correttamente o il lembo è più piccolo del desiderato, potrebbe essere necessario spostare manualmente l’epiteliale in alcune aree, per assicurarsi di avere l’esposizione dello strato di Bowman e dello stroma a tutte le aree che si sta andando a trattare con il laser.”

Un effetto pseudo-decentrazione può essere creato se l’epitelio oscura la sezione della cornea che deve essere ablata con il laser, ha detto il dottor Hardten. Esaminare attentamente l’area può garantire che ci sia abbastanza spazio per trattare, dopo la rimozione del foglio epiteliale.

Gestione del dolore

Dopo l’ablazione, la dottoressa Davis ha detto che irriga la cornea con una soluzione salina bilanciata refrigerata, che crea un effetto anestetico e posiziona una lente a contatto con la benda. I suoi pazienti usano Xibrom antinfiammatorio non steroideo (bromfenac, Pharmaceuticals Pharmaceuticals) due volte al giorno per 3 giorni postop. Dà anche loro una prescrizione per Vicodin orale (paracetamolo, idrocodone, Abbott Laboratories) o Percocet (ossicodone, paracetamolo, Pharmaceuticals Pharmaceuticals), ma ha detto che i pazienti spesso non hanno bisogno di quei farmaci per il dolore. Inoltre, i pazienti usano Zymar (gatifloxacina 0,3%, Allergan) e Pred Forte (prednisolone acetato 1%, Allergan) quattro volte al giorno. Gocce lubrificanti topiche come Optive (carbossimetilcellulosa, Allergan) vengono utilizzate anche ogni ora per i primi giorni e poi quattro volte al giorno per diversi mesi.

David R. Hardten, MD
David R. Hardten

Il dottor Hardten ha detto che usa la mitomicina-C e irriga dopo l’ablazione, proprio come farebbe dopo la normale PRK. Prescrive farmaci GABA (acido gamma-aminobutirrico) come Neurontin (gabapentin, Pfizer) o Lyrica (pregabalin, Pfizer) per aiutare a ridurre il disagio. Egli prescrive questi farmaci, oltre a non steroidei come LS aculare (ketorolac trometamina soluzione oftalmica 0,4%, Allergan), tre o quattro volte il primo giorno postop, due o tre volte il giorno successivo e una o due volte dopo. Indossa anche una lente a contatto morbida, oltre a lubrificanti adeguati, un antibiotico e steroidi.

Dott. Hardten ha detto che i recuperi risultanti sono stati più lenti rispetto a LASIK, ma meglio se confrontato con PRK.

“I risultati per noi sono stati buoni, nel lungo periodo”, ha detto. “La perla principale sta dando il Neurontin orale o Lyrica e un sacco di lubrificanti, lenti a contatto, LS aculari. Penso che i farmaci GABA orali siano una delle innovazioni più sorprendenti per i nostri pazienti con procedure laser di superficie negli ultimi anni.”

Secondo il Dott. Hardten, alcuni pazienti hanno un recupero più lento di altri, e quando il loro epitelio guarisce, possono avere una cresta centrale di epitelio che causa distorsione o sfocatura della vista. Gestire la superficie oculare prima dell’intervento chirurgico è il modo migliore per prevenire problemi dopo l’intervento chirurgico. Ha raccomandato un lubrificante adeguato e un’attenta attenzione all’igiene del coperchio per aiutare nella prevenzione. Per i pazienti con occhio secco preesistente, è meglio essere aggressivi con farmaci, come ciclosporina e lacrime, prima dell’intervento chirurgico per trattare tali condizioni, per prevenire problemi postop, ha detto.

Dott. Lindstrom ha anche detto che la soluzione salina bilanciata refrigerata, non steroidei, tetracaina topica per il dolore intenso e farmaci come Neurontin sono stati efficaci nel trattamento del dolore postop per i suoi pazienti.

” Alcuni chirurghi hanno riportato meno dolore con epi-LASIK che con PRK standard. Abbiamo fondamentalmente trovato dolore minimo con PRK standard o epi-LASIK a causa del nostro regime medico”, ha detto il dottor Lindstrom. “È stato un vantaggio significativo per i nostri pazienti avere un recupero visivo più rapido e una guarigione epiteliale più rapida. Ciò ci ha resi più comodi raccomandando l’ablazione di superficie bilaterale, lo stesso giorno, che è una convenienza per il paziente, il chirurgo ed il centro del laser.”

Ha detto che alcuni medici sono preoccupati per epi-LASIK perché viene eseguita con un dispositivo meccanico che potrebbe creare un “nick” nel livello di Bowman. Non ha ancora visto questo con la procedura, ma è stato segnalato. Usa mitomicina-C in pazienti con errore di rifrazione di -4 D o superiore.

Nonostante tutti i benefici, il Dott. Lindstrom ha detto che qualsiasi forma di ablazione superficiale può ancora causare foschia, quello che ha chiamato il più grande svantaggio della procedura. Tuttavia, questo è superato dagli eccellenti risultati della procedura.

“Una delle obiezioni all’ablazione superficiale è il dolore, e abbiamo imparato come gestirlo”, ha detto il dottor Lindstrom. “L’altro è il recupero visivo lento e il dispositivo Moria ha accelerato il recupero visivo. Non è ancora veloce come LASIK, ma è molto più veloce dell’ablazione superficiale che usiamo per eseguire. Inoltre, la cornea riepitelizzata più velocemente. Quei vantaggi di epi-LASIK mi rendono meno resistente all’ablazione superficiale.”

Per ulteriori informazioni:

  • Elizabeth A. Davis, MD, FACS, può essere raggiunto a Minnesota Eye Consultants, 9801 Dupont Ave. Per ulteriori informazioni, visitare il sito: [email protected] Dr. Davis è un consulente per Pharmaceuticals Pharmaceuticals e Allergan.
  • David R. Hardten, MD, può essere raggiunto a Minnesota Eye Consultants, 710 E. 24th St., Suite 106, Minneapolis, MN 55404; 612-813-3600; fax: 612-813-3658; e-mail: [email protected] Il Dott. Hardten è consulente per AMO-VISX, TLCVision e Allergan.
  • Richard L. Lindstrom, MD, può essere raggiunto a Minnesota Eye Consultants, 9801 DuPont Ave. Per maggiori informazioni, consulta la nostra informativa sulla privacy. [email protected] Dr. Lindstrom è un consulente per l’ottica medica avanzata.
  • Erin L. Boyle è uno scrittore di personale OSN che copre tutti gli aspetti dell’oftalmologia.

AGGIUNGERE ARGOMENTO PER AVVISI e-MAIL
Ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su
si Prega di fornire il vostro indirizzo e-mail per ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI E-MAIL
Hai aggiunto correttamente ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi via email

Hai aggiunto correttamente ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare [email protected]
Torna a Healio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.