Nuova vita per la formula di EICHLEAY Recupero delle spese generali per l’Home Office nei reclami di ritardo causati dal governo

Il recupero dei danni per le spese generali per l’home office Questa formula, enunciata in Eichleay Corp., ASBCA 60-2 BCA ¶ 2688, aff’d su riconsiderazione, 61-1 BCA ¶ 2894, aveva subito battute d’arresto di recente, ma è stato dato nuova vita in capitale Elec. Co. v. U. S., GSBCA 5316, 83-2 BCA ¶ 16548, rev’d, 729 F. 2d 743 (Fed Cir. 1984). La rinascita della formula include limitazioni che gli imprenditori edili dovrebbero prendere in considerazione quando si effettuano reclami per spese generali di home office. Oltre trent’anni fa è stata creata la formula Eichleay e per molti anni gli appaltatori hanno ricevuto regolarmente un risarcimento secondo la sua logica. Nel 1980, tuttavia, i tribunali hanno iniziato a erodere la formula. Un giudice per la GSBCA in realtà previsto la sua completa scomparsa. Questa tendenza e la previsione si sono dimostrate sbagliate in Capital Elec. La dottrina rimane, anche se con restrizioni. La formula Eichleay viene utilizzata per calcolare i danni in base a un rapporto tra le fatturazioni del contratto ritardato e il valore di tutti i lavori eseguiti durante il periodo del contratto ritardato. Un appaltatore riceve danni per spese generali home office sostenute durante un ritardo perché il contraente aveva presunto che le risorse home office sarebbero necessari.

La giurisprudenza recente dimostra che, mentre la formula di Eichleay è viva, non è automatica. Il contraente deve stabilire che una “sospensione, interruzione o ritardo” ha ridotto il flusso di costi diretti. Il contraente deve anche dimostrare di non essere stato in grado di assumere altri lavori a causa del ritardo del governo. Ciò può essere dimostrato dall’incertezza del ritardo o dalle limitazioni di legame. Con questi fattori in mente, appaltatori dovrebbero perseguire danni Eichleay in casi appropriati.

Nota: Una versione riassuntiva di questo articolo è apparso in Constructor, maggio 1994.

Menziona “Costi Eichleay” a un imprenditore edile e probabilmente sentirai una delle due cose: (1) “Ho diritto a loro ogni volta che provo un ritardo causato dal governo”; o (2) “Sono quasi impossibili da ottenere oggi.”Nessuna delle due affermazioni è del tutto corretta. In effetti, tre recentissime decisioni della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito federale (la corte d’appello di controllo per le questioni relative ai contratti governativi) hanno dato nuova vita a questa venerabile dottrina e hanno reso più probabile che un appaltatore che subisce un ritardo causato dal governo recuperi i suoi costi di Eichleay.

Stabilire il diritto di recuperare spese generali home office. Più di 30 anni fa in Eichleay Corp. 1, l’Armed Services Board of Contract Appeals ha risolto una controversia sul metodo corretto di calcolo dell’importo dei costi generali dell’ufficio domestico attribuibili a ritardi irragionevoli del governo nell’emissione di ordini di modifica a un contratto di costruzione. Il contraente ha proposto un approccio basato sul calcolo di un importo giornaliero in dollari attribuibile al contratto che ha subito il ritardo. Il Consiglio ha adottato l’approccio del contraente, trovando che si trattava di un metodo realistico di allocazione spese generali home office.
A seguito della decisione dell’ASBCA in Eichleay, i giudici in più di 100 casi hanno regolarmente concesso il recupero agli appaltatori del governo federale per una parte dei costi generali del loro ufficio domestico attribuibili a ritardi causati dal governo in base all’applicazione (indirettamente o con lievi modifiche) della formula di Eichleay. Si pensava che il diritto di un imprenditore edile del governo federale di recuperare i costi di Eichleay fosse così consolidato che la maggior parte degli appaltatori lo considerava “automatico” una volta dimostrato un ritardo causato dal governo.

EROSIONE DELLA FORMULA DI EICHLEAY

I forum dei contratti non governativi furono i primi a rifiutare l’uso della formula di Eichleay; i tribunali di New York2 e Texas3 rifiutarono entrambi di applicarla nei casi di ritardo nella costruzione.

Basandosi in parte su queste decisioni, nei primi anni 1980 le boards of contract appeals e gli Stati Uniti. Corte Reclami anche iniziato a rifiutare l’uso della formula Eichleay. La filigrana bassa per Eichleay è stata la decisione del Consiglio di amministrazione dei servizi generali in Capital Electric Co., 4 dove in un parere concordante Il giudice Lieblich ha dichiarato:

Possiamo essere fiduciosi, dopo la pubblicazione di questo parere, che il governo non accetterà mai più alcun pagamento a un appaltatore per “overhead esteso” né accetterà mai più l’applicazione della formula di Eichleay a qualsiasi calcolo overhead in un caso di costruzione. Se distinti o annullati, tali decisioni precedenti saranno lettere morte in seguito.5

A tutti gli effetti, sembrava che i costi di Eichleay fossero una cosa del passato.
LA RINASCITA DI EICHLEAY … CON AVVERTIMENTI Fortunatamente per gli appaltatori, il giudice Lieblich si sbagliava. Solo un anno dopo, la Corte d’appello degli Stati Uniti per il Circuito federale ha invertito Capital Electric e ha ripristinato il diritto del contraente di recuperare il sovraccarico del ministero degli interni utilizzando la formula di Eichleay.

Sotto Capital Electric, un appaltatore non ha potuto recuperare i danni ambientali dell’ufficio domestico in assenza di una base probatoria che i danni siano stati effettivamente sostenuti. Il contraente avrebbe dovuto essere in grado di soddisfare questo standard presentando la prova che la durata del ritardo era incerta, la sua capacità di incollaggio era limitata, il suo equipaggiamento o capitale era limitato, o il personale chiave richiesto per l’acquisizione o l’esecuzione di nuovi lavori era richiesto di essere disponibile per il progetto ritardato.
Sfortunatamente, un numero significativo di decisioni di vari boards of contract appeals e della United States Court of Federal Claims (e del suo predecessore United States Claims Court) si sono concentrate quasi esclusivamente sulla mancanza di capacità di legame di un appaltatore (o sui suoi effettivi tentativi di acquisire nuovi lavori), come standard pertinenti da applicare. Utilizzando questo approccio, la maggior parte delle decisioni elettriche post-capitale hanno trovato la prova del contraente carente, e hanno negato le richieste di appaltatori per i costi generali home office. Come discusso di seguito, tre recenti decisioni del Circuito federale hanno chiarito gli standard elettrici di capitale e reso più facile recuperare i costi di Eichleay.
Negli ultimi 18 mesi, il Circuito federale ha emesso cinque decisioni riguardanti la formula di Eichleay. Tre di queste decisioni, prese insieme, forniscono una guida significativa su ciò che un appaltatore deve dimostrare di recuperare le spese generali dell’home office.
C. B. C. ENTERPRISES
In C. B. C. Entra., Inc., 6 la corte d’appello ha stabilito che Eichleay applicato solo quando il contraente subisce “una sospensione dei lavori su un contratto, quando la sospensione diminuisce il flusso di costi diretti contro cui valutare una percentuale di rimborso.”
In questo caso, il ritardo relativo all’esecuzione di ordini di modifica compensabili. Poiché queste modifiche compensabili non hanno diminuito il flusso di costi diretti del contraente, la corte ha concluso che un margine percentuale sul lavoro di ordine di modifica ha fornito una compensazione adeguata.
Il C. B. C. la decisione si concentra sulla “incertezza derivante da sospensione, interruzione o ritardo” come perno del recupero dei costi di Eichleay. Questa incertezza, ha motivato la corte, impedisce al contraente di assumere altri lavori durante il ritardo.
INTERSTATE GENERAL GOVERNMENT CONTRACTORS

In Interstate,7 la corte d’appello è tornata sui temi della sospensione del lavoro, dell’incertezza e dell’impatto dei ritardi di durata incerta sul flusso di costi diretti del contraente. La corte dichiara:

La sospensione o il ritardo dell’esecuzione del contratto comporta l’interruzione o la riduzione del flusso di entrate del contraente dai costi diretti sostenuti. Home office spese generali continuano a maturare durante tali periodi . . . . Di conseguenza, questa diminuzione dei costi diretti necessari per sostenere il sovraccarico continuo crea un sovraccarico non assorbito, a meno che l’home office .

È significativo che la corte si sia concentrata sul concetto di sovraccarico non assorbito, un termine più frequentemente discusso nel contesto dei contratti di produzione. In Interstate, la corte ha osservato che le spese di home office sono assegnati ai singoli contratti sulla base di un flusso previsto di costi diretti. Quando tale flusso di costi diretti è ridotto, il contratto non è in grado di assorbire la quantità prevista di spese generali home office. Infine, il tribunale di Interstate ha sottolineato che un appaltatore non può assumere altri lavori o ridurre il personale o le strutture dell’home office “quando il periodo di ritardo o sospensione è incerto . . . e il contraente è tenuto a rimanere pronto a riprendere le prestazioni con breve preavviso.”Il risultato è unabsorbed home office overhead.
WICKHAM CONTRACTING CO.
La decisione Wickham8affronta un problema che è stato oggetto di molte discussioni nella giurisprudenza: se la formula di Eichleay sia l’unico metodo appropriato per calcolare le spese generali dell’ufficio domestico non assorbite. Il tribunale di Wickham ha risposto a questa domanda in termini categorici: “Per quanto riguarda la formula di Eichleay, riteniamo che sia l’unico metodo corretto per calcolare le spese generali dell’ufficio domestico non assorbite. Nessuna altra formula può essere utilizzata.”
A Wickham, l’appaltatore, non il governo, stava sfidando l’uso di Eichleay. La società ha sostenuto che si dovrebbe applicare una variante di Eichleay.
Nel respingere gli argomenti di Wickham, la corte ha considerato – e respinto – varie alternative alla formula di Eichleay, tra cui “verdetto della giuria”, “costo totale”, “lavoro simulato” e formule di Eichleay modificate. La corte ha dichiarato che, quando un appaltatore soddisfa gli standard stabiliti in BC e Interstate, “la formula di Eichleay è il mezzo esclusivo” di calcolare le spese generali di home office non assorbite.

UNA TABELLA DI MARCIA PER IL RECUPERO
La recente giurisprudenza interpretando Eichleay ha cambiato il modo in cui gli appaltatori dovrebbero affrontare i reclami per spese generali di home office non assorbite.
Sebbene l’applicazione della formula Eichleay non sia ancora “automatica”, questi casi forniscono agli appaltatori una tabella di marcia che può portare al recupero dei costi di Eichleay.
Che cosa ha causato il ritardo? All’inizio, un appaltatore dovrebbe concentrarsi sulla natura del ritardo. Per recuperare i danni Eichleay, un imprenditore in genere deve dimostrare che la sua prestazione è stata ritardata da una “sospensione, interruzione o ritardo di esecuzione del contratto.”
L’uso da parte del Circuito federale della frase “sospensione, interruzione o ritardo” può causare confusione. Ovviamente, il lavoro di ordine del cambiamento può provocare il ritardo o l’interruzione; può un appaltatore recuperare i costi di Eichleay in questi casi?
I tribunali devono ancora affrontare questo problema in congiunzione con la logica di BC, Interstate e Wickham. Tuttavia, questi casi non utilizzano i termini “sospensione, interruzione e ritardo” nel vuoto. La corte collega questi concetti al perno di una rivendicazione di Eichleay: la riduzione del flusso dei costi diretti.
Pertanto, i danni di Eichleay non dovrebbero essere categoricamente negati semplicemente perché “interruzione o ritardo” è il risultato di cause miste, come gli ordini di modifica e le sospensioni del lavoro. Il recupero di Eichleay può essere ancora appropriato in questi casi, se la riduzione del flusso di costi diretti è tale che l’applicazione di una percentuale fissa di costi diretti non comporta un recupero adeguato.
Quanto era grave la sospensione del lavoro? Nessuno dei casi recenti riguarda direttamente se una sospensione parziale del lavoro – in cui alcuni lavori di base continuano ad essere eseguiti – possa comportare il recupero dei costi di Eichleay. Tuttavia, sia C. B. C. che Wickham suggeriscono che non è necessaria una sospensione completa.
Tuttavia, il recupero dei costi di Eichleay non è automatico per ogni sospensione del lavoro, non importa quanto minore. Nelle sospensioni parziali, il contraente dovrebbe concentrarsi sull’impatto della sospensione sul suo flusso di costi diretti. Se il contraente può dimostrare che il governo ha causato una “diminuzione dei costi diretti necessari per sostenere spese generali continue”, 9Eichleay dovrebbe applicare.
Che dire di altri lavori? Infine, l’appaltatore deve dimostrare che la sospensione, l’interruzione o il ritardo gli hanno impedito di intraprendere altri lavori. Secondo il Circuito federale, l’incapacità di assumere altri lavori sorge in due modi.
In primo luogo, sospensioni o ritardi “improvvisi, sporadici e di durata incerta”10 richiedono che l’appaltatore rimanga pronto a riprendere le prestazioni in qualsiasi momento. Utilizzando la terminologia della corte, l’appaltatore rimane in “standby”, incapace di assumere altri lavori. Ciò si traduce in un’interruzione del suo flusso previsto di costi diretti e il recupero dei danni Eichleay. In secondo luogo, un appaltatore può dimostrare che le limitazioni sulla sua capacità di incollaggio gli impedivano di assumere ulteriori lavori durante la sospensione o il ritardo. Tali limitazioni impediscono al contraente di mantenere il flusso previsto di costi diretti che è centrale per un reclamo Eichleay.
CONCLUSIONE
Nonostante i recenti sforzi del Circuito federale per chiarire quando si applica la formula di Eichleay, gli appaltatori dovrebbero aspettarsi che il governo continui a resistere all’applicazione della formula come mezzo per calcolare le spese generali dell’home office non assorbite. Tuttavia, la recente giurisprudenza fornisce agli appaltatori un quadro che, se correttamente applicato, può portare al recupero dei danni di Eichleay.
Questo articolo è originariamente apparso nel Costruttore.
NOTE
1 ASBCA No. 5183, 60-2 BCA ¶ 26-88, aff’d on reconsid., 61-1 BCA ¶ 2894.
2 Berley Industr. Inc v. Città di New York, 45 N. Y. 2d 683, 385 N. E. 2d 281 (1978).
3 Guy James Construction Co. v. Il Trinity Industries Inc., 644 F. 2d 255 (5 ° Cir. 1981).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.